Vai ai contenuti

Vita Da Zazu

Pensieri, idee strampalate, accrocchi e pazzie

Archivio

Archivio per aprile 2010

Qlogic controllerMi è capitato di dover connettere ad un server con openSUSE 11.2 un’AX150, il collegamento avviane via fibra ottica e ho un controller Qlogic a doppia porta

quindi, dato che anche lAX ha due porte in fibra, ho ben pensato di mettere in piedi una configurazione in failover cosicché il collegamento col server è ridondato….

ma veniamo al sodo:

nell’AX dall’interfaccia web Navisphere abilitiamo le connessioni dal nostro server, poi dentro opensuse occorre creare e “farcire” il file /etc/multipath.conf

ecco cosa inserire:

##
## This is a template multipath-tools configuration file
## Uncomment the lines relevent to your environment
##
defaults {

udev_dir              /dev
polling_interval      10
selector              “round-robin 0″
path_grouping_policy  multibus
getuid_callout        “/lib/udev/scsi_id –whitelisted –device=/dev/%n”
prio_callout          “mpath_prio_emc /dev/%n”
path_checker          emc_clariion
path_grouping_policy  failover
failback              immediate
user_friendly_names   yes

}
blacklist {

# ho aggiunto sda alla blacklist in quanto il disco di sistema
devnode “^(sda|ram|raw|loop|fd|md|dm-|sr|scd|st)[0-9]*”
devnode “^hd[a-z][[0-9]*]”

}
multipaths {
multipath {

wwid                  600601608B861C00BC43DC9DC74BEF11
alias                 SambaShare
}

multipath {

wwid                  600601608B861C00BC43DC9DC74BEF11
alias                 Backup
}

}

una volta fatto ciò, occorre mettere in avvio il demone del multipath (anche da yast) col seguente comando:

# chkconfig multipathd on

riavviando poi il demone del multipath dovremmo poter vedere  i device nella nostra macchina:

# rcmultipathd restart

# multipath -l
mpathc (3600601608b861c002ab72276714cef11) dm-1 DGC,RAID 5
size=652G features=’1 queue_if_no_path’ hwhandler=’1 emc’ wp=rw
`-+- policy=’round-robin 0′ prio=-2 status=active
|- 1:0:0:1 sdc 8:32 active undef running
`- 2:0:0:1 sde 8:64 active undef running
mpatha (3600601608b861c00bc43dc9dc74bef11) dm-0 DGC,RAID 5
size=690G features=’1 queue_if_no_path’ hwhandler=’1 emc’ wp=rw
`-+- policy=’round-robin 0′ prio=-2 status=active
|- 1:0:0:0 sdb 8:16 active undef running
`- 2:0:0:0 sdd 8:48 active undef running

quando nel sistema vedremo una situazione del genere, dentro /dev/mapper troveremo i nostri device:

# ls -la /dev/mapper/
totale 0
drwxr-xr-x  2 root root     100 21 apr 18:23 .
drwxr-xr-x 15 root root    4520 21 apr 18:23 ..
crw-rw—-  1 root root  10, 58 21 apr 15:18 control
brw-r—–  1 root disk 253,  0 21 apr 15:18 mpatha
brw-r—–  1 root disk 253,  1 21 apr 15:18 mpathc

NB

se abbiamo appena creato i virtual disk dentro l’AX, nel sistema i device non appariranno MAI finché l’AX non ha finito al 100% l’operazione

finché il virtual disk starà nello stato di inizializzazione non viene passato alcun device alla macchina (questo, anche se potrebbe far pensare che il multipath non funzioni, è del tutto normale c’è solo da attendere

quando l’AX avrà finito il suo lavoro, allora riavviando il server, dentro di esso magicamente appariranno i nuovi device



A seguito di un aggiornamento di Asterisk e qui sono stato stupido per non aver prima fatto un backup :roll:, ricordate bambini, il backup è una cosa importante, più delle forbici dalla punta arrotondata!

Insomma, mi sono ritrovato con il mio centralino casalingo che non effettuava più chiamate uscenti da nessun account VOIP;

dato che prima funzionava, poi ha smesso, 2+2=3,5… la colpa è dell’aggiornamento!

Quindi, armato di pazienza e anche di tempo, perché ho perso 4 o 5 giorni dietro al problema bestemmiofero, sono giunto a riscrivere una configurazione funzionante anche nell’ultima relase di asterisk…

vado qui ad illustrare:

sip.conf   pre-aggiornamento sip.conf post-aggiornamento
[general]
bindport=5060
context=incoming
udpbindaddr=0.0.0.0
tcpenable=no
tcpbindaddr=0.0.0.0
disallow=all
allow=ulaw
qualify=yes
language=it
dtmfmode=info
localnet=172.16.10.0/24
rtptimeout=60
rtpholdtimeout=300

;messagenet
register => 5xxxxxx:YYYYYYYY@sip.messagenet.it:5061
/messagenet

;chepnet
register => 6969xxxxxx:YYYYYYYY@sip.cheapnet.it
/cheapnet

[cheapnet]
type=peer
defaultuser=6969xxxxxx
fromuser=6969xxxxxx
secret=YYYYYYYY
host=sip.cheapnet.it
port=5060
insecure=port,invite
context=incoming
nat=yes
srvlookup=yes
canreinvite=no
disallow=all
allow=gsm
allow=ulaw
allow=alaw
allow=g726
allow=ilbc

[messagenet]
type=peer
defaultuser=5xxxxxx
fromuser=5xxxxxx
secret=YYYYYYYY
host=sip.messagenet.it
port=5061
insecure=port,invite
context=incoming
nat=yes
srvlookup=yes
canreinvite=no
disallow=all
allow=gsm
allow=ulaw
allow=alaw
allow=g726
allow=ilbc

[general]
bindport=5060
context=incoming
udpbindaddr=0.0.0.0
tcpenable=no
tcpbindaddr=0.0.0.0
disallow=all
allow=ulaw
language=it
dtmfmode=info
localnet=172.16.10.0/24
rtptimeout=60
rtpholdtimeout=300

;messagenet
register => 5xxxxxx:YYYYYYYY@sip.messagenet.it:5061
/messagenet

;chepnet
register => 6969xxxxxx:YYYYYYYY@sip.cheapnet.it
/cheapnet

[cheapnet]
type=peer
defaultuser=6969xxxxxx@sip.cheapnet.it
fromuser=6969xxxxxx
secret=YYYYYYYY
host=sip.cheapnet.it
fromdomain=sip.cheapnet.it
outboundproxy=sip.cheapnet.it
realm=sip.cheapnet.it
port=5060
regseconds=60
insecure=port,invite
context=incoming
qualify=yes
nat=yes
srvlookup=yes
canreinvite=no
directmedia=no
disallow=all
allow=gsm
allow=ulaw
allow=alaw
allow=g726
allow=ilbc

[messagenet]
type=peer
defaultuser=5xxxxxx@sip.messagenet.it
fromuser=5xxxxxx
secret=YYYYYYYY
host=sip.messagenet.it
fromdomain=sip.messagenet.it
outboundproxy=sip.messagenet.it
realm=sip.messagenet.it
port=5061
regseconds=60
insecure=port,invite
context=incoming
qualify=yes
nat=yes
srvlookup=yes
canreinvite=no
directmedia=no
disallow=all
allow=gsm
allow=ulaw
allow=alaw
allow=g726
allow=ilbc

per completezza questo è quanto serve dentro extensions.conf affinché quanto scritto sopra funzioni:

[incoming]

exten => cheapnet,1,Dial(SIP/INTERNO)
exten => messagenet,1,Dial(SIP/INTERNO)

[outgoing]

exten => _53.,1,Dial(SIP/${EXTEN}@messagenet)
exten => _XXX.,1,Macro(dial-failover,SIP/${EXTEN}@messagenet,SIP/${EXTEN}@cheapnet)

[macro-dial-failover]

exten => s,1,Dial(${ARG1})
exten => s,2,Goto(s-${DIALSTATUS},1)
exten => s-CONGESTION,1,Dial(${ARG2})

TunnelAppena installato Tunnelblick sul mac:

che bello che bello! Openvpn facile!

metto il file di configurazione dentro la cartella da lui suggeritami, permesso tutto come vuole lui e provo ad avviare la connessione…..

parte la rotellina arcobaleno e rimane lì spavaldamente bloccato senza segni di vita, tanto da averlo dovuto uccidere con kill -9 😐

dopo un discreto impazzire, grazie anche al mo amico “AndydnA”, sono giunto alla difficile per quanto stupida soluzione:

da bravo linuxiano nel file di configurazione della mia VPN ho scritto:

log /var/log/openvpn/VPN_zazu.log

che c’è di strano? Voi direte…

beh, la cartella “openvpn” dentro /var/log” non esiste!!!!! Tunnelblick non può loggare dove gli abbiamo indicato e in barba al mondo, invece di segnalarlo si pianta!

soluzione:

mkdir /var/log/openvpn

d’ora in poi potrete fruire di tutte le VPN che vi pare e piace. 😉

WordPress SEO fine-tune by Meta SEO Pack from Poradnik Webmastera